Tavoli

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  ser.lorenzo 1 anno, 9 mesi fa.

due brevi considerazioni: Comune di Macugnaga / acustica scolastica

  • Due brevi considerazioni.

    Una riguardo una recente esperienza professionale con il comune di Macugnaga che ha attribuito il terzo posto al progetto da me presentato utilizzando poi liberamente nella fase esecutiva alcune proposte e contenuti progettuali senza coinvolgere il mio studio in una nuova gara per la progettazione esecutiva. Un effetto “Frankestein” che temo sia frequente quando nel concorso di idee si consente di lasciare aperta la massima discrezionalità del committente (cioè credo sempre) che oltre a elargire premi irrisori e umilianti (in fase di concorso c’è stata una segnalazione in tal senso da parte dell’Ordine di Novara) ritiene poi di poter liberamente interpretare e di far eseguire, con esiti in questo caso disastrosi dovuti alla pochezza e incultura delle amministrazioni pubbliche.

    La seconda riguarda l’intervento relativo al nuovo bando per l’edilizia scolastica che è stato illustrato durante il forum: la relatrice ha trascurato di fare riferimento a requisiti di qualità acustica degli spazi dedicati alla didattica. Come è noto requisiti di acustica passiva sono per la prima volta stati imposti proprio all’edilizia scolastica con una circolare nel 1967 e poi sistematicamente disattesi. Oggi gli obbiettivi di una buona progettazione acustica vanno oltre la mera osservanza (pure fondamentale) di requisiti passivi, come dimostra l’interessantissimo programma di riqualificazione acustica delle aule avviato dalla scuola media Cavalieri a Milano. Suggerisco di porre molta più attenzione al tema…

    • Questo argomento è stato modificato 1 anno, 9 mesi fa da  ser.lorenzo.

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.